Nella primavera 2014 il Governo approva il programma “Scuole nuove, scuole sicure, scuole belle” che mette a disposizione risorse per l’edilizia scolastica. ANCI Lombardia informa i Comuni sulle opportunità offerte e sulle risorse a disposizione e li assiste nella presentazione dei progetti. Il 30 giugno 2014 vengono pubblicati i dati sugli interventi finanziabili: in Lombardia si interviene su 1.358 plessi scolastici, per un totale di 82 milioni di euro con Scuole sicure, 78 milioni di euro con Scuole nuove (biennio 2014/15, con sblocco patto di stabilità) e 10 milioni di euro con Scuole belle.

Il 13 luglio 2015 viene approvata la legge 107 su “la Buona scuola”, con importanti ricadute sui Comuni. ANCI Lombardia organizza diversi incontri per informare i Comuni sulle novità normative introdotte dalla riforma del sistema scolastico e sulle risorse messe a disposizione; fornisce inoltre supporto tramite circolari, risposte ai numerosi quesiti presentati dagli Amministratori e contatti telefonici e via mail. La legge 107 prevede anche risorse per l’edilizia scolastica (indagini diagnostiche sui sottotetti, scuole innovative e messa in sicurezza). Nel 2015 l’Italia si dota anche di una programmazione nazionale per l’edilizia scolastica, finanziata con 3,7 miliardi di euro. 

Si avvia il Piano Nazionale per la Scuola Digitale. Al seminario del 1° febbraio 2016 ANCI Lombardia presenta le opportunità offerte dal Piano per la digitalizzazione delle scuole e fa il punto sulla riqualificazione dei plessi scolastici in Lombardia; vi partecipano rappresentanti della Struttura di missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e di Regione Lombardia. 

Per i progetti di edilizia scolastica, oltre alle risorse statali i Comuni usufruiscono di fondi regionali (27,5 milioni di euro per ristrutturazioni, messa a norma e rimozione amianto). Il 13 ottobre, a Milano, ANCI Lombardia presenta interessanti esperienze di innovazione tecnologica attuate da Scuole e Comuni lombardi.

Il 23 agosto 2017 il Ministro dell’Istruzione firma il decreto che mette 25 milioni di euro a disposizione della Lombardia per i Poli per l’infanzia, previsti dal Decreto di riforma del sistema educativo 0-6 anni. Sempre in agosto viene pubblicato il decreto relativo ai mutui BEI per gli Enti locali lombardi, che ottengono finanziamenti statali per € 35.956.917,70.

ANCI Lombardia organizza un seminario sull’edilizia scolastica con i rappresentanti della Struttura di missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di Regione Lombardia. Viene presentato il bilancio del triennio 2015-2017 relativo al programma “Scuole nuove, scuole sicure, scuole belle” e viene presentato il programma del triennio 2018-2020 con i relativi finanziamenti. Al seminario partecipano anche i Dirigenti della Cassa Depositi e Prestiti (che illustrano le diverse opportunità e modalità di finanziamento) i Tecnici GSE che presentano i programmi di efficientamento energetico.

Nei primi mesi del 2018 vengono pubblicati diversi decreti in materia di edilizia scolastica che riguardano in particolare la programmazione degli interventi nel triennio 2018-2020 (850 milioni di euro), gli interventi antisismici (1.058 milioni di euro), la rimozione amianto (11,5 milioni di euro), la verifica delle condizioni di vulnerabilità (145 milioni di euro). Le risorse a disposizione sono stanziate dallo Stato.

Il 6 novembre 2019 è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia il Decreto sul bando #amiantozero – per la raccolta del fabbisogno e la concessione di contributi per interventi edilizi su edifici scolastici di proprietà di enti pubblici sede di poli per l’infanzia, scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I e II grado.

Il 28 novembre 2019, la Conferenza Unificata ha dato il via libera al Decreto del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca con cui si stanziano 98 milioni di euro, che andranno direttamente ai Comuni e Città metropolitane nel triennio 2019-2021, per interventi relativi al Piano straordinario per l’adeguamento alla normativa antincendio nelle scuole. I contributi a disposizione degli Enti locali saranno erogati nelle seguenti misure:

  • Fino a €   70.000 per le scuole del I ciclo di istruzione;
  • Fino a € 100.000 per le scuole del II ciclo di istruzione.