I Comuni tornano a investire

  • Superato il Patto di stabilità e stop ai tagli. Grazie ad ANCI e ANCI Lombardia, dal 1° gennaio 2016 la Legge di Stabilità sancisce lo storico risultato del superamento del Patto di stabilità interno con l’introduzione del saldo di competenza non negati- vo e l’assenza di ulteriori tagli ai Comuni. A novembre 2018 compiuto un altro passo in avanti verso la piena autonomia nell’uso degli avanzi disponibili per investimenti (almeno 620 milioni per i Comuni della Lombardia).

  • Nel 2018, 90 milioni di euro di spazi finanziari concessi ai Comuni con il Patto di Stabilità Territoriale. Introdotto per la prima volta proprio in Lombardia nel 2009 su impulso di ANCI Lombardia, dopo una prima sperimentazione è stato applicato con continuità a partire dal 2011 e ha reso possibile gli in- vestimenti dei Comuni nella fase di inasprimento del Patto di stabilità. Il plafond finanziario del PST, messo a disposizione dalla Regione, è stato distribuito con rilevanza crescente – dal 5% nel 2011 al 12% nel 2017 – sulla base dell’Indice sintetico di virtuosità (ISV), uno strumento che premia la virtuosi- tà dei Comuni messo a punto da ANCI Lombardia insieme a Regione, Finlombarda e SDA Bocconi. Gli spazi finanziari del Patto di Stabilità verticale sono stati concessi prioritariamente ai piccoli Comuni.

Gli investimenti


Da 93

pro-capite
nel 2015

A 108

euro pro-capite
nel 2017

+17%

gli investimenti pro capite dei Comuni lombardi
(Fonte: IFEL dati di competenza, escluso il Comune di Milano)

+8% nel 2018; +29% nel 2019 (1°semestre): i dati di cassa segnalano un’ulteriore crescita nell’ultimo biennio

(Fonte: IFEL escludendo il Comune di Milano)